Tempi Moderni

Ho 23 anni ma me ne sento 16, eppure potete benissimo chiamarmi "vecchio"! Perchè?
Ve lo dico subito, non riesco a concepire la gente che parla al telefono tramite auricolare, non ci posso fare niente. Se vedo qualcuno che sta da solo e parla, gesticolando con entrambe le mani, mi dà l’impressione di essere un pazzo fuggito da qualche clinica psichiatrica.

Questa mia fissa penso sia dovuta a quando da piccolo vedevo i "veri" pazzi; quelli che imbastivano dialoghi con interlocutori immaginari in mezzo la strada. Mi ricordo che una volta, non più di 5-6 anni fa, mi presi paura prendendo un autobus di sera per tornare a casa: l’autista parlava da solo e si incazzava pure!
Sull’autobus c’ero solo io, e l’unica cosa a cui pensavo era di arrivare indenne alla méta, salvo poi scoprire che il conducente parlava al telefono con l’auricolare.

Sarà pure comodo questo "aggeggino", ma io continuerò a guardare le persone che lo usano come tanti Napoleone Bonaparte… Chiamatemi "vecchio"!

il perfido aggeggio!l'identità preferita dei pazzi

One thought on “Tempi Moderni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.