Topolini, Topolino, scaratopi e vespe.

topolinodicampagnaUn venerdì che si prospettava un pochino moscio, alla fine non si è dimostrato poi tanto molle, e di questo ringrazio un topolino simpatico che si aggirava ieri sera nel giardino del Morgana, tra muretto e ringhiera verde, non so se impaurito dalla gente, incuriosito dalla stessa, e se in cerca di qualcosa da mangiare (non credo era il tipo di andare ad assaggiare i fondi dei bicchieri di plastica dei cocktail…).
Ben presto se ne sono accorti un po’ tutti gli avventori del Morgana, e l’amica Mari si è subito alzata con scatto da centometrista per paura di ritrovarsi il piccolo “Ratatouille” in testa.

A proposito di animali, ne ho approfittato per far vedere il video di uno scarafaggione che ho trovato nel garage di casa mia qualche giorno prima, ribattezzato affettuosamente da me come “Scaratopo”, come accade in How I Met Your Mother.

scaratopoIl bell’insettone, grande quanto la mia mano, si aggirava giulivo sul pavimento del garage, fino a quando gli ho dato un leggero calcetto, per fermarlo e fargli una foto decente.
Lo Scaratopo si è fermato per un attimo, ha fatto finta di sembrare morto, e dopo un altro piccolo movimento del mio piede, si è ripreso fermandosi come vedete nella foto qui a fianco.

Nella serata di ieri ho avuto anche a che fare con una “vecchia amica” che a momenti non avevo nemmeno riconosciuto, e quasi con mia somma sorpresa, non avvertivo più quel sentimento rancoroso di mesi fa.
Sarà che son cambiato come atteggiamento, in un certo senso maturato, e in un altro senso, dopo quasi 2 anni dal nostro “addio”, me ne importa veramente poco come invece mi poteva interessare tempo fa.

Stamattina invece, con un mezzogiorno di fuoco senza alcuna ombra, vestito completamente di bianco, sono sceso per andare a comprare il Topolino col terzo numero di “Potere e Potenza”, il ritorno a fumetti di Pikappa (una versione più avventurosa di Paperinik) dopo ben 12 anni dall’ultima storia uscita su albi a fumetti.
Nel pomeriggio quindi sono andato sul terrazzo per leggermi la rivista, ma mi son trovato ad avere a che fare con delle vespe che avevano nidificato nel bracciolo della sedia a sdraio.
Armato quindi di insetticida spray, ho cercato di debellare questo problema quanto prima, per poi rilassarmi e leggere prendendo anche un po’ di sole.
E niente, son riuscito ad uccidere una vespe su tre, più numerose larve che erano all’interno del favo costruito nella sedia a sdraio.
E’ stata una lotta ardua, visto che il sole era ancora bello forte che splendeva sul mio capoccione, quindi grondavo sudore come Zidane alla finale dei mondiali del 2006.
Il match con gli insetti tifosi del Borussia Dortmund non è ancora finito, temo che possano nidificare nuovamente, e quindi 1-0 per me, palla al centro!

P.S.: stasera invece mi aspetta il secondo appuntamento col Silent Party del Morgana Music Club.
P.P.S.. si vede che non hanno letto il mio articolo che diceva di aspettare un altro po’ prima di riproporlo.

 

2 thoughts on “Topolini, Topolino, scaratopi e vespe.

  1. Non vediamo l’ora di leggere la prossima puntata di AlbertoAngelaKameilKane.
    Ma la foto del topo è presa da Internet? Prima di sobbalzare dallo spavento ricordo di averlo intravisto e sembrava molto più IndieMouse!

    • La foto del topo è presa da internet, non ho capito cosa intendi per IndieMouse. Mi fa piacere che è arrivato questo commento, era un bel po’ che non ne approvavo uno. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*