Cucù, la barba non c’è più!

Dopo quasi un mese (per la precisione 28 giorni) qualche minuto fa mi sono rasato completamente: neanche un pelo soggiorna più sul mio viso.
Non  vorrei sbagliarmi ma ho l’impressione che questo sia stato il mio periodo più lungo con la barba.
Ah, la foto qui a fianco in realtà è dell’anno scorso, quella che avevo fino a qualche momento fa era un po’ più lunga di questa, ma s-fortunatamente non ho documentato il tutto.

E dire che inizialmente avrei voluto solo accorciarmi la barba, ma poi ho deciso di dare un taglio netto, pure per cambiare un po’, e poi a essere sinceri iniziava a darmi leggermente fastidio.
Tuttavia penso che me la farò ricrescere un’altra volta, sempre che i tanti complimenti ricevuti non fossero a prendermi per il culo, nel qual caso tornerò al solito taglio settimanale.

Però c’è da dire che complimenti tipo: .“Ah, però stai bene con la barba.. mi fanno subito pensare: “Cos’avrà voluto dire? Che prima  senza barba facevo schifo?”
Bah… penso troppo. Oppure no?

Hallo We Ciao!

Dato che era parecchio tempo che non scrivevo qui, non volevo far passare tutto il mese con il solo post del 3 ottobre presente. Dovrei parlare di halloween, ma visto che l'ho fatto spesso in passato, questa volta soprassederò. La ragion d'essere di questo post in pratica è un mero saluto. Hallo my friends!

Saturday night live.

Scendere senza nessuna aspettativa il venerdì sera, e arrivare a fare le 3 con mr. Rafao. CHECK.
Essere stato con Simo e Tania ad una festa della birra (Torrecuso) degna del miglior Fantozzi. CHECK.
Aver visto mastro Peppone cedere inesorabilmente alla potente forza dell'alcol. CHECK.
Aver assistito ai deliri di un DJ VGFuture mezzo orbo e brillo come non mai. CHECK.

2 giugno: La Festa del Grazie

Le persone a digiuno di Boris non capiranno immediatamente la festività, ma se preferite, potrete comunque festeggiare la Repubblica con un bel piattone di quaglie tornite.

Per quanto mi riguarda, ho per la prima volta "festeggiato" il 2 giugno (sempre se la memoria non fa cilecca…), partecipando ad una gitarella in quel di Molfetta (BA), precisamente al Parco di divertimenti Miragica.
Inizialmente le previsioni meteo portavano nuvoloso con leggera pioggia, ma alla fine il sole ha stravinto alla grande su questa giornata, e la mia faccia con leggera mascherina dovuta agli occhiali da sole, lo può dimostrare…

A rinfrescarci dal calore per buona parte della mattinata, ha provveduto la prima giostra del parco che abbiamo affrontato: lo Strozzagorgo!
Ci siamo bagnati quasi tutti da capo a piedi, e per fortuna che almeno io, mi ero portato una maglietta di ricambio per ogni evenienza!

Poi, per la prima volta nella mia vita ho finalmente assistito ad una proiezione VERAMENTE  in 3d! Altro che Avatar!
I personaggi di questa proiezione uscivano veramente dallo schermo, e sembrava quasi che si potessero toccare.
Se davvero le proiezioni in 3d al cinema fossero come questa che ho visto oggi, li spenderei più che volentieri quei 9-9,5 € del prezzo del biglietto.

Abbiamo assistito anche ad uno spettacolo di stuntman con moto e automobili, che mi han fatto ricordare le prove di scuola guida in GTA San Andreas (e se conoscete il gioco, sapete a che mi riferisco, per gli altri, andatevi a cercare i video sul "tutubo").

Come ogni parco di divertimenti/luna park che si rispetti, c'era anche il classico gioco delle palle da tirare ad un bersaglio per vincere un peluche, e io al primo tentativo, colpendo nell'ordine Fini, Berlusconi e Vendola, ho vinto per mia sorella un peluche di Pimpi, amico di Winnie Pooh. Simona che non era riuscito a vincere niente su 2-3 tentativi, mi aveva anche chiesto di scambiarlo con un peluche di Ih-Oh che le piaceva, ma alla fine ha desistito.
Incredibile è stata poi la reazione di mia sorella, appena tornato a casa, alla vista del peluche. Ne è stata molto contenta e ciò mi ha fatto molto piacere.

Da ricordare anche le mie imprecazioni con risate annesse sullo Spaccatempo: ina giostra "semimaledetta" che sembrava una cazzata, e invece ha turbato un po' tutti noi. 
Memorabili sono state anche le attese in fila alle diverse giostre, durante le quali io e Gerardo Vitactiva, ci "sfidavamo" a colpi di citazioni della filmografia della commedia italiana anni 80 e 90.

Auguri a tutti per questa festa della repubblica/del grazie.

Salviamola dalle grinfie di suo padre Alfonso Luigi Marra!!!

 


Avete visto tutto lo spot? Forse conoscete meglio quello con la Arcuri, ma io voglio concentrarmi su questo.
Partiamo dal presupposto che lo spot arcuriano pubblicizza l'ultima "fatica" letteraria di tale Alfonso Luigi Marra, in questo invece, Caterina Marra (figlia del suddetto) tesse le lodi di un libro scritto invece anni addietro (fonte wikipedia: 1993): "La storia di Giovanni e Margherita".

Perché ciò?
Semplicemente per sfruttare l'onda del "successo" dello spot con la Arcuri, e riproporre così la nuova edizione di questo.
Cosa ha fatto quindi Alfonso Luigi Marra (N.d.A.: nome che scriverò sempre e rigorosamente per esteso) disposto a tutto per la fama, e finiti i soldi per la promozione dopo aver pagato profumatamente Manuelona?
Logico: da buon padre padrone qual è, ha sfruttato quindi la povera e innocente figlia Caterina per continuare a farsi pubblicità.

Perché l'ho definito "padre padrone"?
Voi come lo definireste un uomo che ha segregato per anni in casa la figlia, non facendola andare a scuola e che non ha cacciato neanche un soldo per educarla, dandola poi letteralmente (e praticamente) "in pasto ai leoni" e gettandola nel mare delle onde catodiche e virtuali?

Esattamente questo è successo!
Allora cosa voglio fare io con questo mio intervento?
Dato il periodo dell'anno in cui ci troviamo attualmente in cui tradizionalmente si dovrebbe aiutare chi è meno fortunato di noi, chi ha più bisogno, perché siamo tutti più buoni (cit.), da buon samaritano quale sono, voglio attuare una campagna per salvare Caterina Marra dalle grinfie del padre Alfonso Luigi Marra, per darle finalmente una vita decente, e per mandarla nelle migliori scuole allo scopo di dotarla finalmente di un'istruzione e di un'educazione alla faccia di suo padre Alfonso Luigi Marra.

La scorsa settimana abbiamo avuto come ogni anno Telethon, la maratona televisiva per aiutare la ricerca sulla distrofia muscolare.
Beh, da questa settimana, fino alla fine dell'anno solare, inizierà la Marrathon, una vera e propria maratona mediatica per aiutare Caterina Marra ad uscire dall'oscurità in cui l'ha confinata da anni (salvo rare eccezioni come lo spot su linkato) il padre Alfonso Luigi Marra.

Alfonso Luigi Marra
Essere abbietto che non sei altro…

Non volevo far passare un mese dall’ultimo post

Un titolo anticonvenzionale che più si adatterebbe all'oggetto di una mail che non ad un blog.
In effetti è un botto di tempo che non spedisco mail confidenziali ad amici o a fiamme varie…

Sigh, ho un po' di tristezza a pensarci…

Comunque, in realtà, in questo periodo, avevo pure un paio di idee ma o ero andato fuori tempo massimo con l'attualità, o ci aveva pensato qualche blogger molto ben più famoso di me a parlarne…
Ma riflettendoci… CHISSENE!!!

Ne scriverò comunque nei prossimi giorni, per ora mi interessava più che altro spezzare il silenzio e l'astinenza da scribacchino che mi attanagliava.

Ah, la butto lì.
Piccola critica ai miei concittadini e corregionali che su FB nella giornata di ieri, non avevano altro da dire, come pappagalli in un allevamento di suddetti: "Oddio è arrivata la neve… Che freddo" etc etc.
Complimenti a voi tutti per l'anticonformismo e la creatività dimostrata! CLAP CLAP!

PUZZATE DI CAROTA!!!*

*vediamo chi la capisce!