ST: il secondo giorno

L’indomani mattina nel granaio attiguo alla palafitta, adibito a garage per i mezzi di trasporto dei quattro, un’ombra si aggira furtiva.
Vincenzo: – Bello! Mò mi "carreo" la Vespa di Marco sulla 127… Andiamo Robby!
Robby: – Bau!
Il Pario e il suo fedele amico si dirigono al mercato.
Più tardi verso ora di pranzo…
Alberto: – Oh ragazzi finitela!!! E che cazzo!
Marco: – Robbè se ti mangi Stewie, poi ti scanno come un porco!
Roberto: – Ma è un bocconcino così succulento! Va bene, mi vado a mangiare l’ultima polpetta di Striscia che è rimasta in ghiacciaia…

SLAM! Fa il suo ingresso nella baracca Vincenzo che era tornato dal mercato:
Minimo!
Roberto mentre sta masticando l’ultimo boccone di Striscia:
Ciè, sei un uomo troppo stupido! Mi devo scopare tua sorella!
V.: – Chiattò piglialo in culo!
R.: – Magari più tardi… Ti aspetto nel granaio. PCIU’!
M.: – A proposito di granaio, Vincè dove sta la Vespa?
V.: – Che te ne frega della Vespa? Questo è solo un dettaglio! Guarda che cos’ho qui…
Il Pario si mette al centro della stanza ed alza le mani a conca verso l’alto come se fosse un rituale, e dalle mani fuoriescono fasci di luce in tutte le direzioni che abbagliano le adipose palpebre di Roberto:
Oddio, Ciè! Sembri un prete che benedice l’ostia… Ricorda per questo ti punirò!!! Ma ti rendi conto?
A.: – Vincè che tieni in mano?
V.: – E’ la vita! …e la vita trionferà!
M.: – Non dirmi che hai barattato la mia Vespa per quattro semi di Maria?
V.: – Sì!!! Porta loro un pò di rispetto! Con questi stiamo coperti per i prossimi due anni!
M.: – ‘Sti cazzi, io non posso fumare più di tanto sennò Anna Chiara non mi dà i baci!
R.: – Ciè, tu ci vuoi affamare!
V.: – Per tua norma e regola molte popolazioni del cosiddetto terzo mondo potrebbero essere sfamate tramite l’apporto energetico di semi di cannabis, adoperati come sostituto di carboidrati e,…

Dall’alto della sua ignoranza, Roberto si alza dal tavolo e, senza proferire parola alcuna, si dirige con fare minaccioso verso il Pario (N.d.A.: tipo quando gli tolgono il cibo da bocca) e gli dà un cazzotto sotto le mani a conca, di modo che i semi cadano nelle fenditure delle assi del pavimento della baracca:
Ciè, non te lo permetterò mai!
V.: – NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!
Dopo un urlo disumano e un mare di lacrime Vincenzo riprende coraggio e gira il capo verso il chiattone.
Con un’espressione marmorea il pario si alza e guarda nei non-occhi di Roberto per un tempo imperscrutabile a mò di sfida. Improvvisamente Vincenzo si fionda verso il Ciacco, e con un balzo da lanciatore di coriandoli gli salta addosso.
Roberto, che già aveva dimenticato il motivo della contesa, pensa che Vincenzo voglia fare un’ennesima prova del balletto stile "Lago dei Cigni" che i due attuano spesso per "pariare" e far pariare, e lo accoglie a braccia aperte.
Giunto a destinazione, Vincenzo mette in atto la "Tecnica dell’Orologio" (N.d.A.: dicasi "Tecnica dell’Orologio" quel particolare "mozzico" effettuato nella zona occipitale del cranio della vittima) e comincia instancabilmente a riempire di "pogne" Roberto, per castigarlo del gesto da lui commesso.

E’ mezzanotte, 12 ore sono passate, Marco e Alberto sono a letto già da un pezzo e Roberto sta finendo di allenarsi per il prossimo ITF (International Tourntabilism Federation).
Il chiattone avverte il bisogno di calarsi nelle braccia di Morfeo, e stancatosi del Pario se ne libera con un "votamano", scagliandolo dall’altra parte della stanza.
Trovatosi per terra, Vincenzo decide che è giunto anche per lui il momento di dormire e dà la buonanotte a Roberto:
Tanto non accuso! Comunque Robbè mi stavi facendo rompere gli occhiali, sta tutto parlato con tuo padre! ‘Notte!
Roberto neanche lo sente che sprofonda nel sonno e si dimentica di stendersi sul letto, rimanendo in piedi come i cavalli.

FINE SECONDA PARTE

 

11 thoughts on “ST: il secondo giorno

  1. Non preoccuparti,nn voglio rubarvi la scena! Mi riferivo al dialogo tra Roberto e Vincenzo dove l’uno diceva all’altro di volersi scopare la sorella che nella fattispecie sono io!

    Michela

  2. …ma come mai tutte queste foto del mio fidanzato spaik?me le date anche a me per mail?anche altre se le avete..grazie ac

  3. M.: – No, scordatelo! L’Opel non si tocca, dopo Anna Chiara mi rompe il cazzo se non la vado a prendere!M.: – ‘Sti cazzi, io non posso fumare più di tanto sennò Anna Chiara non mi dà i baci(E NN SOLO)!

    ….ma mi spiegate che cacvolo ci centro io con la pas?anche se marco è PROPRIETA DI AC nn significa che marco è ac dipendente….Anna Chiara

  4. X Michela: se mi ricordo bene, l’accenno a te inizia e si esaurisce con quella frase.

    X AC: le foto fattele dare da spaik che sicuramente ce le ha.

    La storia è stata scritta ben 4 anni fa, solo che non l’ho mai finita (e ancora non la finisco) e quindi quel che è scritto è tutto riferito all’epoca.

  5. ma io 4 anni fa ero solo di passaggio…le foto che ha marco gia ce le ho ma voi ne avete tante altre anche il chiatto in camera sua….ne voglio una copia!!!!!!ac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.