La mia replica: Il Beneventano Medio 2 – il Ritorno.

A distanza di quasi 3 anni, mi ritrovo qui a parlare di questo "esemplare di maschio italiano meridionale".
Se rileggete il vecchio post al link di cui sopra, vi accorgerete di come molte delle osservazioni fatte all’epoca, siano ancora di estrema attualità.
A farmi tornare a parlare di ciò, è stato un mio vecchio amico e compagno delle superiori, Dario "l’Ente", che mi ha linkato questo video qui sotto (nel continua a leggere, se non sentite bene le parole, il testo della canzone):

 

Il video è una delle tante imitazioni di "Milano is burning", un pezzo da discoteca fatto con una voce sintetica femminile; se andate su youtube, troverete altri video fatti su altre città come Roma, Pescara eccetera.
Purtroppo quel che dice la voce nella canzone, è vero in larga parte, e descrive benissimo quale sia lo stato sociale della media dei giovani sanniti.

Persone che non frequentano chi abita in un quartiere diverso dal loro (N.d.A.: possiamo parlare di una sorte di razzismo?); e la cui principale preoccupazione è l’apparire, nascondendo prudentemente quelle altre cose che agli occhi degli altri, possano far "perdere punti" alla loro "immagine sociale".
Persone che "si lamentano" della pochezza delle loro serate in un luogo, ma che alla fine finiscono sempre lì; incapaci di uscire da quel circolo vizioso in cui, in fin dei conti, alla fine si trovano benissimo, ma non possono dichiararlo, sempre per non intaccare l’immagine di sè, pazientemente costruita fino a quel momento.

Ossequi.



BENEVENTO IS BURNING

Abito a Viale Mellusi
Non me la faccio con quelli delle "Palazzine"
Vado solo dove c’è gente
Ho fatto il liceo classico
Faccio Giurisprudenza, mi manca qualche esame.
Faccio il tirocinio dall’avvocato pr 300 euro al mese.
Mi alzo a mezzogiorno
Vado in palestra
Mi faccio le foto a torso nudo col cellulare
e poi le metto su Messenger.
Mi metto la maglia di Baci e Abbracci
mi tolgo la maglia di Baci e Abbracci.
Ho la borsa di Prima Classe
ma poi faccio spesa al centro commerciale.
Mi compro il jeans di Dolce e Gabbana su Ebay
Andiamo a ballare
il venerdì al tavolo
il sabato al privè
Andiamo al Capriccio
mi prendo un Mojito.
Mi calo nella caliente movida beneventana
mamma mia come sto!
Che palle! Andiamo sempre a Piazzetta Vari.
Che facciamo stasera? Non lo so! Andiamo a Piazzetta Vari.
Ti faccio "caniare" ma non te la dò anche se sono un cesso;
al limite andiamo dietro lo stadio.
Che fame! Andiamo a farci un cornetto da "Pesce di zucchero".
E’ tardi! Ho finito le sigarette!
Che ti frega? C’è Mainella aperto!
La domenica prendo il caffè in mezzo al Corso.
Mi faccio vedere in giro
c’è sempre tanta gente.
A Benevento si conoscono tutti
si vedono sempre le stesse facce
A Benevento c’è sempre tanta gente con le stesse facce.


3 thoughts on “La mia replica: Il Beneventano Medio 2 – il Ritorno.

  1. Aspettiamo tutti un qualche miracolo,che non arriverà mai, in tutte le città, la gioventù di merda di ieri siamo noi “univesitari” di oggi, cittadini ladri di domani.

    E’ l’italia, non resta che bere un altro mojito, che poi in pochi lo sanno fare…

    Sergino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*