Il sabato del villaggio

In verità in questi giorni non ho tanta voglia di scrivere, ma mi sono giunte delle richieste, e per questo mi vedo "quasi costretto" nel farlo.
L’amica Ieia, mi ha segnalato una cosa sul blog di Beppe Grillo: Legge Levi-Prodi. Non sono certo un appassionato di politica,  e men che meno del comico (lo è ancora?) genovese, ma devo dire che è interessante.
In breve: se passa questa legge la rete si vedrà alleggerita di buona parte di blog e bloggers. E quindi ciò lo metterebbe nel culo anche a noi della Perverse All Star.

Sempre in ambito filo-politico, segnalo la protesta contro la Festa del Cinema di Roma, da parte di un gruppo che si fa chiamare «Ftm Azione futurista 2007»: la Fontana di Trevi che diventa rossa.<

br />
Quest’oggi la fontana è tornata alla sua normalità, ma vedete le foto e i turisti increduli nell’articolo.

Altra news, in perfetto stile studio aperto (segnalo questo blog contro le nefandezze di questo pseudo-TG: OdioStudioAperto): in un bar di Milano è stato emesso uno scontrino per clienti "ricchioni". Chissà se è un falso o è verità…

Infine, tramite mail, mi è pervenuta dall’amico Matteo "Matthew" Monero, una richiesta di far girare una petizione online che trovate subito dopo questo post nel Continua a leggere. Se siete favorevoli anche voi, allora copiate la mail e fatela girare quanto più potete.
Intanto stasera non penso che qualcuno avrà da ridire sul clima festaiolo della serata… Maggiori informazioni a riguardo domani o lunedì al più tardi…

Newsletter – FATE CIRCOLARE 12/10/2007

Al Presidente della Repubblica
Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Al Ministero dei Trasporti
Ai Deputai e Senatori del Parlamento Italiano

Gentile Presidente,
le imprese rappresentate dal SILB (Sindacato Italiano locali da Ballo) chiedono a gran voce la cancellazione del DIVIETO DI SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE ALCOLICHE DOPO LE ORE 02.00 NEI LOCALI DI SPETTACOLO ED INTRATTENIMENTO (Legge 2.10.2007 n.160 art. 6 co. 2) PERCHE’:

E’ inutile perché vieta la somministrazione SOLO nei locali di intrattenimento e di spettacolo (DISCOTECHE);

E’ inefficace, in quanto i giovani troveranno mille altri modi per consumare alcolici in luoghi privi di vigilanza.

E’ limitativa della libertà individuale di milioni di persone e della libera impresa.

E’ persecutoria verso le aziende colpite dal provvedimento, poiché prevede sanzioni sproporzionate (CHIUSURA IMMEDIATA DEL LOCALE DA 7 A 30 GG).

E’ persecutoria verso gli operatori di questo importante settore, infatti molte aziende rischieranno la chiusura e migliaia di dipendenti rimarranno senza lavoro.

E’ penalizzante perchè "l’Italia del turismo" in una posizione di netto svantaggio rispetto a tutti gli stati europei limitrofi dove non esistono queste limitazioni.

E’ irragionevole perchè da un lato istaura il proibizionismo, dall’altro, riduce le sanzioni a carico di chi guida gli autoveicoli.

E’ demagogica perché scarica completamente l’onere della sicurezza stradale su un ristretto gruppo di aziende che vengono totalmente sacrificate.

E’ incostituzionale perché lo stato interviene in una materia di esclusiva alla competenza legislativa delle regioni.

E’ dannosa perché favorisce il nomadismo notturno.

Vi ringraziamo per la Vostra preziosa considerazione, augurandoci che con il Suo aiuto sia possibile risolvere al più presto questa paradossale situazione.

Seguono firme

2 thoughts on “Il sabato del villaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.