Domenica si vota, domenica vuota

E' tempo di elezioni qui a Benevento (e anche in molti altri comuni italiani).
Avevo in mente da almeno un mese di parlare di queste assurde elezioni beneventane, dove per 32 posti di consigliere comunale, si son candidate ben 720 e passa persone (mentre per quanto riguarda i candidati sindaci, fortunatamente questi sono solo 4).

A dir la verità l'idea iniziale era di parlare anche di esperienze simili in altri ambiti (universitario, hattrick), per spiegare la mia avversione verso quelle persone a completo digiuno di politica, ma che si son presentate in campagna elettorale molto pomposamente (cliccate sul link e fatevi due risate) pensando (chissà quanto poi…) di poter cambiare le cose immediatamente sempre se eletti dal popolo…<

br />

Non vi dico poi (N.d.A.: invece ve lo sto appena dicendo…) di quante persone tra semplici conoscenti, amici di vecchia data et similia, si son fatti sentire dopo intere ere geologiche per sapere come stavo, e se avevo già in mente su quale simbolo e nome apporre la mia crocetta in cabina elettorale.
Avrò ricevuto almeno una decina di richieste!

Comunque i ragazzi di Bcrmagazine hanno espresso ottimamente buona parte dei miei pensieri in merito a queste elezioni, e soprattutto a questa campagna elettorale con manifesti abusivi in ogniddove.
Oggi poi ho letto sul GiallorossiFreemagazine (giornale distribuito gratuitamente ad ogni partita casalinga del Benevento), un articolo molto simpatico di Michelangelo Fetto su queste elezioni, nel quale diceva:
"Molte di queste persone sono ragazzi che devono sdebitarsi per un favore ricevuto o per uno che devono ricevere, insomma ELEZIONI=CONCORSO PUBBLICO con tanto di raccomandazione".
E infatti è proprio su questo concetto che in molti si son candidati, col pensiero: "Se vengo eletto, sai quanti soldi posso guadagnare…"

Fortunatamente non sono uno che è capitato in questa schiera di "cani e porci" della politica locale, e in pochissime persone (parlo di 2, massimo 3 persone!) immischiate tra la schiera di animali di cui sopra, o facenti parte della campagna elettorale dei vari sindaci, con cui mi sono trovato a parlare in questi giorni erano consapevoli di questo schifo, ma molto sinceramente e logicamente mi hanno esposto i loro motivi della loro entrata in ballo. 

Domani o nei prossimi giorni, completerò questo mio pensiero sulle elezioni comunali a BN.


Per quanto concerne invece la seconda parte del titolo, purtroppo calcisticamente e socialmente parlando questa domenica si è rivelata vuota.
Il Benevento colmo di riserve e giovani, ha impattato 1-1 in casa con la Juve Stabia, che ci ha raggiunti solo su rigore. Merito quindi alle seconde linee per il risultato, mentre in serie A, la Juventus ha tenuto fede alla sua attuale realtà da squadra provinciale perdendo 1-0 con un Parma (nel link l'esultanza di Giovinco match winner) che non aveva più nulla da chiedere al campionato. Che delusione…

Punto di vista sociale: purtroppo le promesse fattami nei giorni precedenti dagli amici, per uscire, non sono state mantenute quest'oggi, e mi son quindi ritrovato a passare una domenica casalinga da buon pantofolaio. Peccato! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

*