Il mio mese di Maggio…

E' passato un mese dal mio compleanno, ho 31 giorni in più sul groppone, e un sacco di post lasciati nel limbo delle idee.
In questo mese non ho affatto messo mano al blog, e giusto adesso, per non lasciare bianca la casella di maggio, mi sono deciso a scrivere qualcosa; e visto che è un bel po' di tempo che non lo faccio, suppongo che questo possa essere un bel "papiello"…

Eravamo rimasti in pieno stage al Napoli Comicon, bene: è stata un'esperienza molto soddisfacente, che avrei voluto ripetere anche col Napoli Film Festival (dal 5 all'11 giugno) ma purtroppo non ne ho avuto l'opportunità, visto che l'agenzia che si occupa del Comicon, solo in parte lo fa anche per il NFF, e quindi non hanno potuto insistere più di tanto.
C'è da dire che il mio lavoro è stato molto apprezzato, e quelli dell'agenzia hanno speso buone parole per me, e tutto ciò mi lusinga molto. Chissà se in futuro le nostre strade lavorative torneranno o meno a incrociarsi, di certo non mi dispiacerebbe.

Qui, poco più sopra, la mia versione del manifesto del Comicon di quest'anno, disegnato da Jim Lee.

Quel che mi è dispiaciuto un po' sto per dirvelo proprio adesso: durante i 3 giorni del Napoli Comicon, ho fatto la gradita conoscenza di una ventenne di Caserta; reciproca simpatia ed interesse, il tutto suggellato da un cospicuo "scambio di lisozima" (non voglio risultare troppo romantico…).
Poi però, dopo esserci scambiati numeri di cell, e-mail, msn, e facebook (e dopo aver letto/visto determinate cose sul suo profilo), mi sono reso conto di essere stato incredibilmente "usato"!
Il bello è che in tutto questo, io non avevo la benché minima intenzione di avviare un vero e proprio rapporto, ma avrei voluto come si suol dire "avere le mani in pasta", e se fosse accaduto qualcos'altro, allora sarebbe stato il benvenuto.
Il mio comportarmi come sempre da bravo ragazzo evidentemente mi ha tirato un'altra volta un brutto scherzo…

Finita l'esperienza dello stage al Comicon, sono tornato alla routine universitaria in un continuo andirivieni infrasettimanale tra Napoli e Benevento, con la Valle Caudina come filo conduttore. Ora i corsi sono finiti ufficialmente questo venerdì appena passato, e con alcuni colleghi di corso, abbiamo festeggiato con un bel pranzetto alla famosa Trattoria Nennella (perché famosa, potete constatarlo dagli innumerevoli video su youtube, dalla pagina web e dal suo myspace).

Ora è iniziato il periodo di esami, e da qui in poi corsi da seguire non ci saranno, quindi si apre un altro capitolo della mia vita universitaria, cioè l'ultimo (o il penultimo contando la tesi? Poi vedremo…).

A questo proposito, parlando di tesi, non posso esimermi dal celebrare anche qui sul blog, le lauree specialistiche in Scienze dello Spettacolo dell'amico Last Il Pario (106/110, un mese fa ormai), e dell'amica Simo in Biotecnologie Industriali ed alimentari (110 e lode, lo scorso mercoledì), ma di quest'ultima e della sua festa parlerò brevemente e a parte domani assieme all'altra festa di questo mese di maggio, ovvero il compleanno di Zio Silvio (promemoria per me…).
 

A domani.

 

De Pr1mo Magg1o: Mai Più!

Eh già, colpevolmente scrivo di una cosa di cui avrei dovuto parlare 3 giorni fa, ma per le solite cose non ho potuto.
Come ogni anno, in quel dell’Urbe, si consuma una non stop di musica che attira migliaia di giovani (e non) da ogni parte d’Italia. E fin qui non ci piove.
Quest’anno, avendo come nuovo ambiente universitario quello partenopeo, e avendo a che fare con nuove voci; ho sentito colleghi di corso che avevano intenzione di andare in quella bolgia infernale che è Piazza San Giovanni, poiché quest’anno c’era anche Vasco Rossi.

E qui è doveroso aprire una parentesi.
[Sarà che non ne capisco di musica come molte altre persone; sarà che non mi piacciono le canzoni che canta (a parte due: Luna per te, Quanti anni hai); sarà che "a pelle" non mi è affatto simpatico; sarà che ha preso una laurea honoris causa che secondo me non meritava affatto (N.d.A.: mi pare che ne parlai pure qui, ma non mi ricordo il post)… Comunque il succo è non capisco COME CAZZO FACCIA A PIACERE A TANTE PERSONE!!!
Veramente è inconcepibile per me…]

Noi della PAS* abbiamo brutti ricordi del 1 maggio a Roma. Solo una volta ci andammo, ovvero 5 anni fa, nel 2004.
Il gruppetto era composto da me, Il Pario, DJ Masso, la Zia, e un amico di quest’ultima, tale Sirio (?!).
Sfacchinata assurda prima per partire, poi per arrivare, poi per andare a pranzo a casa dell’amico Rutio lì a Tor Bella Monaca, e poi ripartire da là per andare a Piazza San Giovanni.
I ricordi di allora sono pochi e confusi, ma mi pare che arrivammo verso le 17.30-18:
non riuscimmo ad arrivare ad una postazione decente per vedere il palco; non riuscimmo a trovare una postazione decente per vedere lo spettacolo da uno dei tanti maxischermi; insomma non riuscimmo a vedere e a sentire alcunché.

C’è da dire anche che quando arrivammo nei pressi del casino a Piazza San Giovanni, ci fermammo in un parco o giardino, non ricordo bene, sempre gremito di gente, e ci sedemmo a bere lì; poi qualcuno di noi si sentì male e decidemmo di dirigerci verso la stazione autobus di Tiburtina per l’appuntamento col pulmann del ritorno.
Nel mentre il Pario era convinto di trovare qualche bar, negozio aperto per acquistare qualcosa che ora mi sfugge; a nulla valsero le mie parole: "Primo maggio a Roma, festa dei lavoratori, e tu pretendi di trovare qualche locale aperto per te?"

"Sì!" mi rispose perentoriamente, per poi venire smentito dopo l’infruttuosa ricerca.
Arrivati a Tiburtina non mi ricordo chi dei 3 (Pario, Masso, Sirio) ci diede di brutto con il viaggio a ritroso stomaco->esofago->bocca->tiburtina, con una chiazza che sapeva malamente di limoncello andato a male.
Sta di fatto che rimanemmo lì non so quanto tempo, prima che si facesse l’ora dell’arrivo del pulmann.
Finalmente arrivata l’ora della partenza, rimanemmo ancora inchiodati lì, perché altri ragazzi che avevano viaggiato con noi, non erano ancora tornati.
Tramite telefono cellulare venimmo poi a sapere che alcuni stavano tornando a piedi, e altri con dei taxi, visto che metro e bus avevano finito le loro corse.
Aspettammo altre 2-3 ore stanchi e distrutti su quel pulmann, vogliosi di ritornare al suolo natio di Benevento, e verso le 6-7 di mattina, giungemmo finalmente a destinazione.


Dopo quell’esperienza alquanto distruttiva, stancante e stressante, ci ripromettemmo di non tornare mai più a Roma il giorno 1 maggio degli anni a seguire, e quel patto suggellato ben 5 anni fa, fortunatamente continua ancora ad esistere.

P.S.: Memorabile poi fu il 1 maggio alternativo passato a Napoli l’anno seguente, nel 2005.

La mia prima rimpatriata

Ieri mattina un’altra puntata in quel di Napoli, per porre finalmente fine alla “Missione iscrizione”. La giornata sembrava essersi messa bene: alla stazione Appia, porgendo al gestore del bar 5 euro per il biglietto di 4,20 per Napoli, mi sono visto recapitare come resto 1e60€ invece di 80 cent. LOL!
Poi nella fretta di salire e prendere posto, mi son dimenticato di obliterare il biglietto, fortuna ha voluto che nessun controllore salisse durante quella corsa infernale! (N.d.A.: provate a prendere la Valle Caudina la mattina prima delle 9, si rischia di rimanere in piedi).

Sceso a Napoli, arrivo senza problema alcuno alla mia prossima facoltà alla Unisob: nessun intoppo o ritardi per metro e funicolare.
Appena messo piede nell’atrio della facoltà, mi ritrovo un serpentone che si dipana per tutta l’area dell’ingresso, il cui capo inizia agli sportelli e la coda un paio di passi avanti a me.
Fortunatamente, a dispetto della fila, ci si muove abbastanza in fretta anche se 2 ore buone se ne passano comunque; nonostante ciò esco dall’università quasi trionfante con la ricevuta dell’avvenuta iscrizione con l’assegnazione della matricola, tra le mie mani!
Così come all’andata, riesco ad arrivare facilmente alla stazione centrale, dove però mi coglie una brutta notizia: un gruppo di manifestanti per non so cosa, hanno occupato i binari della stazione, nessun treno può partire e tutto viene sospeso.
Approfitto della inaspettata “sciagura” e vado al Mc per prendere un Cheeseburger da mangiare nell’attesa del pulmann Metrocampania Nordest.
Verso l’una e un quarto mi imbarco sul bus e arrivo a BN ben 2 ore dopo.

ciro petroneUn piccolo aneddoto: mentre stavo andando alla fermata della metro di Montesanto, chi mi si para davanti che parla con un altro tizio?
Uno dei due ragazzi che nel film Gomorra voleva imitare Scarface, più precisamente quello magrolino somigliante all’amico Rutio: Ciro Petrone.
Non avevo con me una macchina fotografica, e farmi fare solo l’autografo sarebbe stato riduttivo, quindi ho lasciato stare.

La sera, come preventivato un paio di giorni prima, c’è stata dopo ben 7 anni dall’esame di maturità, la rimpatriata con i compagni di classe delle superiori.
Non eravamo al completo, ma andava bene lo stesso: rimembrando i ricordi passati di 5 anni assieme, sì è iniziato a ridere sin da quando ci siamo visti verso le 21, fino a quando non ci siamo salutati verso l’1.
Luogo dell’avvenimento, il semi deserto Goodfellows (N.d.A.: da cui mancavo da più di un anno a momenti): stuzzicherie, pizze, patatine, panini e birra chiara e rossa a fiumi.

Un enorme augurio all’amicone Alessandro De Felice (primo a sx nella foto), compagno di tante scorribande ai tempi dei Capriccio Boys, che ci ha rivelato il suo convolamento a nozze con la ragazza. Sta ben!

La mia connessione internet

Veramente strano, di solito essendo uno dei pochi ad avere Tele2 nella mia cerchia di conoscenze per Msn e "in real life", son stato sempre penalizzato per quanto riguarda la connessione internet.
Ieri son stato tutta la giornata fuori BN, (N.d.A.: son stato con la mia famiglia nel Cilento, per conoscere alcuni parenti del nord che erano in vacanza da quelle parti) e quindi non ho acceso il pc se non al mio ritorno a casa verso le 23.

Stamattina mi son svegliato ulteriormente presto per mettere a segno un colpo di mercato su Hattrick, e poi son tornato nuovamente a dormire spegnendo nuovamente il pc.
Al mio risveglio verso mezzogiorno e venti, riaccendo il tutto e noto che sul Messenger ci sono solo due dei miei contatti (non sono molti in verità, giusto una sessantina).
Parto subito per cercare qualche info in merito, e leggo che il problema di connessione al programma di chat più famoso del momento, sussiste sin da ieri sera, pare che stessero aggiornando i server globali.
Giusto qualche minuto fa, tutti i miei contatti stanno riprendendo a connettersi tranquillamente.

Per una volta, stringo virtualmente la mano alla mia tanto vituperata connessione internet by Tele2.
Più volte in passato mi sono scagliato contro questo gestore che da un paio di anni me ne combina di cotte e di crude. Questa di oggi non è una scusa definitiva, ce l’ho ancora con Tele2 per tutto il male che mi ha causato finora, ma una volta ogni tanto una cosa buona la fa.

"Tele2, oggi e jut’ bbuon’ tu!"

P.S.: in rete fioccano messaggi, post, discussioni sulla domanda: "Dove eravate 7 anni fa?"
Ero a casa e stavo aspettando che iniziasse un programma su Italia1 che vedevo sempre (non ricordo ora quale fosse) e ci fu l’edizione straordinaria di Studio Aperto (non ancora quello pseudo-tg che è adesso) e mi ricordo che pensavo questo: "che rottura di coglioni, quando finisce questa edizione straordinaria"? E me ne andai fuori al balcone a leggermi il guerin sportivo.

Qualcuno oggi mi ha dato un passaggio sulla sua Delorean…

Il tempo, i viaggi nel tempo, il passato, son tutti argomenti che ricorrono spesso qui su PAS*, e devo dire che non ne sono affatto scontento, anzi tutt’altro!
Oggi è 15 agosto, e come diceva Peppe Bordi: "Ferragost’ pecché tien’ u fierr’ tuost’!" (N.d.A.: possiamo anche dire che ormai "era", visto che manca poco alla fine di questo altro giorno festivo sul calendario).
Come si suoleva fare anni fa, oggi gli ultimi superstiti della nostra combriccola si sono ritrovati per andare a fare la tradizionale "Scampagnata ferragostana a Camposauro"!
Pochi intimi che si contano sulle dita di una mano provvista di 6 falangi, eravamo io, Il Pario, la di lui sorella Miky, il di lei ragazzo ErNovo, LeoTrueLiar e Tokombo che ci ha raggiunto stesso lì in zona.

Inutile dirvi per filo e per segno, come in una pagina del fin troppo minuzioso "Codice da Vinci", come si è svolta la giornata, mi limito a 2 righe striminzite: ricerca del posto; accensione del fuoco; apertura delle danze di cibarie e bevande; pappatoria; rilassamento digestivo; e infine scampagnata per i colli di Camposauro muniti di bastone da passeggio.
Una breve sosta sulla via del ritorno al bar di Foglianise, e poi tutti a casa.
Insomma un ferragosto svoltosi secondo tutti i crismi.

Di particolare rilievo il neo battesimo di LeoTrueLiar con il nome de "Il Moralizzatore", per spegnere gli ardenti fuochi delle bestemmie del Pario; gli slanci dinamici del Noviello, che stava "tranciando" con un Super Santos la testa di un tranquillo ed anziano autoctono, che in posizione supina si stava beatamente godendo la brezza pomeridiana del vento tra le fronde degli alberi; e per ultimi gli arditi approcci pedofili del suddetto Pario nei confronti di un bambino che scorrazzava nei pressi del nostro campo base, con un melone acerbo trovato lì sul luogo.

Mi raccomando la prossima volta, o dolce bambino…

P.S.: un grazie a Lario3 per la realizzazione dell’immagine qui sopra.

La mia ritrovata ispirazione (spero)

Ieri sera chattai un pò con l’amico Tokombo, e nel frattempo feci una cosa che spesso si usa fare su internet: ovvero ricercare il nome/nickname di qualcuno per vedere che cosa si può trovare.
Ebbene, mi prende lo schiribizzo di inserire la dicitura "tokombo" nel form di ricerca di Google, e a parte il suo vecchio blog: tokombo.splinder.com, trovo anche HavanaCafè di cui non ero a conoscenza.

Mentre discuto con lui, leggo queste vecchie pagine html, e mi sorprendo per i temi trattati; per i racconti di viaggi; per le sue passioni (ad esempio quella per poltrone e divani, mitico!); e per la descrizione di piccole cose come cosa provava mangiando delle semplici noccioline da pub.

Ogni tanto gli rinfrescavo la memoria copincollando alcuni passaggi dei suoi vecchi post, di cui spesso si era dimenticato, e insieme iniziammo a parlare di questa ispirazione che non ci prendeva più, che ci impediva di poter scrivere qualcosa nei nostri spazi qui in rete, e ci siamo accorti che in parte era dovuto al fatto che ci vuole una botta di vita per poterne parlare.

In base a ciò, ho anche verificato le date dei nostri scritti, scoprendo poi che l’amico Toko, è un pioniere come blogger: iniziò a scrivere a novembre 2003 mentre io, tramite e grazie la mia prof di "Tecniche dei Nuovi Media", iniziai a fine marzo 2004 nel blog comune del corso suddetto, assieme ad altre decine di amici e colleghi universitari.
Dopo la fine del corso poi verso settembre 2004 decisi di "mettermi in proprio" qui su PAS*, e il resto è storia.

Ma non solo! A parte i blog di Tokombo, ho visto tramite suoi link che c’erano molti altri blogger beneventani e di provincia che scrivevano alacremente, che commentavano, che facevano sentire la propria voce.
Penso che poi sia anche dovuto al trascorrere del tempo: nei primi anni 2000 eravamo agli inizi della globalizzazione, non mi pare che un MSN Messenger fosse presente come chat. Sì, c’erano mIRC C6 e tanti altri, ma non erano allo stesso livello.
Ora c’è MySpace, Badoo, SpacesLive di MSN, Flickr, insomma tanti modi diversi di comunicare con la gente e Splinder credo che sia un pò scagato negli ultimi tempi, o almeno questa è l’impressione che ho vedendo i blog abbandonati di amici conosciuti all’università, e conosciuti tramite commenti qui sul web.

Ma forse sono anche io che non più curioso come prima, che andavo a scovare blog da una parte all’altra di Italia, e devo dire che a volte ciò mi manca, e in me non fa che rimembrare dolci ricordi; mentre ora vedo sempre e solo gli stessi blog, e a volte manco quelli.

In chiusura, ci sarà o no questa "fottuta" ispirazione?
Mi rimetto al titolo del post.
See Ya!

Quel grandissimo concerto di 3 anni fa.

Poco fa ci stavo pensando: "Ma oggi che giorno è? …MMM ma è 25 luglio!"
E ancora: "Come mai mi ricordo che oggi è una data importante? Cosa successe?"
Continuo col fare mente locale, e viaggiando negli archivi della mia mente, arrivo a questa conclusione:
IL MITICO CONCERTO DEI SUBSONICA A PIAZZA RISORGIMENTO!

Scoperto il perchè di questo memento, spulcio le pagine ammuffite del blog, e trovo anche la testimonianza di 3 anni fa: LINK PER LEGGERE.
E appunto rileggendo quelle vecchie righe, noto che c’eravate anche voi Simona, Martina ecc. a quel concerto, e io non ne avevo affatto memoria!
Che bel ricordo che fu quello! Mi piacerebbe tanto riviverlo…

Quasi quasi ascoltami training autogeno
Quasi quasi mi sollevo senza nessun aiuto

 

Il mio viaggio indietro nel tempo

Ieri mi è capitato di tornare indietro nel tempo come il mitico Marty Mc Fly; solo che invece della DeLorean io ho una Fiat Bravo…
Semplicemente sono tornato dopo quasi 2 anni a Lancusi (SA), a trovare due miei amici: Leandro e Maria, e nonostante tutto questo tempo (in cui comunque quando andavo all’università ci incontravamo o sentivamo via telefono), ho avuto la sensazione che non fosse mai cambiato niente: io abitavo sempre là, e facevamo le cose che facevamo insieme all’epoca.
Bella giornata, non escludo di poter ripetere l’esperienza quanto prima, rimanendo anche a dormire lì.
Grazie ragazzi!

Il mio Amarcord di Giugno

Oggi cercando spunti su cosa scrivere in questo quotidiano spazio, sono andato negli archivi del nostro blog, e ho scovato un pò di post di giugno (2006, 2006 e 2007) che secondo me meritano una replica, quindi in questa sede realizzerò un piccolo indice con breve spiegazione, di questi post.

SIGARETTE SFUSE E PLICHE ANALI (9 Giugno 2005)
Serie di ricordi, con mezza cronaca di una gitarella in compagnia del DJ Masso, Zio Silvio, RenoSteiger e Antonio PIF.

NOTA: Di giugno 2005 ci sono giusto un altro paio di post, se vi va dateci un’occhiata.

FLASH RIPETUTI 6: IL NUOVO PAPA (6 Giugno 2006)
In concomitanza con la data del post, un racconto della serie FR con il Papa Pario.

TONNI, MAGNUM E PAPERINI (9 Giugno 2006)
Deliri alimentari tra me e il Pario: i 9 Gironi Infernali di Magnum!

CONDOGLIANZE (11 Giugno 2006)
Data da ricordare: morte del mio primo PC.

RESOCONTO MAD HOUSE (2 GIugno 2007)
Che seratona che fu quella! Bellissima! Come anche l’anniversario precedente…

SAVERIO SIMONE, IL CARNEADE (18 Giugno 2007)
Un coglione che mi contattò per MSN: Bannato!

UN PO’ DI CULTURA (25 Giugno 2007)
Anche l’occhio vuole la sua parte. 😉


Foto fatta il 15 giugno 2007.

In più, vorrei riproporre il Contest del 4 Giugno 2007: il FacciaDaZombie, al quale partecipammo solo io, Martina e Simona. Aspetto altre foto così da pubblicare anche quelle dei suddetti.