Salve, sinceramente non so perkè, e nemmeno so cosa sto scrivendo, ma sento di farlo e scriverò a mo di dettato cio ke il mio cervello ha da dirvi. In questo ultimo periodo si respira una strana aria da queste parti, come se stesse per cambiare qualcosa, non è l’annuncio di qualke immane catastrofe ke mette a repentaglio il genere umano (sia ben kiaro), ma qualcosa ke sta smuovendo l’aria all’interno del nostro gruppo. Come se un qualke verme solitario immaginario stesse mangiando da dentro il nostro essere, ke pian piano si sta facendo largo lasciando dietro il suo cammino traccie indelebili e profonde, solki di malinconia e paranoia ke mai avrei immaginato prima, come se di colpo anke noi ci fossimo trovati catalputati nel mondo reale, lasciando definitivamente il nostro paradiso fatto di sogni, pariate, feste, collassi, progetti, qualke piccola paranoia (derivante solo dal fatto ke eravamo fumati persi), e tanta tanta voglia di stare insieme e lasciarci solo accarezzare da tutto il resto senza mai trovarvici inviskiati fino al collo. Beh io dico ke tutto cio’ fa male e senza dubbio lascia un forte segno su di noi, bambini cresciuti un po’ dopo di tutti gli altri, ma deve darci anke forza per ripartire e ritrovarci, in fondo, quello ke eravamo, SIAMO, basta solo girarci indietro e, non dico di cancellare, ma casomai di sottolineare, per trovare la ragione di tutto e non rammaricarci ma gioire di tutto cio’ ke abbiamo fatto e ke faremo, insieme e mai da soli, perke’ da soli, NOI, non lo saremo mai! Il nostro gruppo è stata sempre la nostra forza ed è giusto ke lo continui ad essere! Ora questa non la “prendete a male” ma rifletteteci e non come se fosse un Sermone del prete ma come una voce ke fa parte di noi, la voce della PAS………Grazie

4 Risposte a “”

  1. amo ma c’vulimm’arripigla’….se scrivi queste cose devi tornare urgentemente da napoli per andare a trovare poldo in rianimazione!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *