Salve carissimi frequentatori della rete, nonchè del nostro blog, ci si rivede! Lo so, lo so è un po’ di tempo che non mi ritrovavate a scrivere "insulsi verba" su queste pagine virtuali. E che ci volete fare. I motivi sono a dir poco svariati e se qualcuno di voi ha seguito in minima parte l’andamento "editoriale" di questo ultimo mese, sa bene del mio prolungato silenzio stampa e, deduco, circoscrive un pensiero sul motivo di quest’ultimo. Onestamente ora non sto qui ad approfondire la cosa, anche perchè se ne è parlato a tempo e luogo (!!??!!) 😉 già con gli effettivi membri della PAS*. Dunque sono tornato a scrivere, anche perchè sorvolando sulla cosa e perdonando i "vili umani che hanno osato sfidarmi in singolar tenzone grammaticale ed editoriale" su ciò che vi ritrovate a leggere in questo piccolo spazio web, e sono pronto a stimolare nuovamente le vostre fervidi menti con sagacia e cinismo, che contraddistinguono a detta di molti(?) noialtri. Bene dopo questa breve introduzione, scusate ma quando c’è vò c’è vò, voglio riallacciarmi al mio fido amico Pario continuando a rimembrare i bei vecchi tempi con una cosa che non molti conoscono, a stento noi stessi, e che fu, se vogliamo metterla su questo piano, una sorta di "nonna" dell’attuale PAS. Non voglio farvi grattare il capo a lungo e quindi vi dico subito che si tratta della quasi sconosciuta M.T.S. (scommetto ke ora Vincè sta flashando come il pazzo). A dire il vero questa piccola associazione ebbe breve durata e non molta importanza, fu piu’ che altro una prima unione tra me e Il Pario (ai tempi alias Forever & Mast), la sigla era semplice in quando racchiudeva le iniziali dei nostri maggiori interessi di allora (e in parte, larga parte, anche di oggi), ed erano Murales, Tattoo e Sesso. Ebbene ci si dilettava già a fondare, all’epoca poco piu che 15enni, prime crew con scopi ben precisi, senza conoscere che ciò pian piano si sarebbe evoluto, partendo da un semplice gioco o passatempo che creavamo soprattutto nei pomeriggi ke dedicavamo al karate,  fino a divenir portavoci di una "setta" con vari elementi assoggettati. Eh eh, a parte questo è sempre un piacere ricordare i tempi andati in modo da nn essere dimenticati nei tempi presenti…vabbè vi saluto e vi lascio con una foto di carletto il mitico principe, come me del resto…;-D,   ciaouuu…


Una risposta a “”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *